Dedica, anzi dedicatio

Dedica, anzi dedicatio

 

 

Ah ah ah, sto ancora ridendo da stamattina.  Che simpatici gli amici dell’Editrice Il Castoro! La vedete la dedica nella foto? Beh, questa proprio mi mancava nella collezione di dediche di autori. La dedica in latino, intendo. Ma adesso, con la traduzione nella lingua di Tacito  del Diario di una Schiappa di Jeff Kinney anche questa falla è stata tappata.

Monsignor Daniel Gallagher, il latinista del  Vaticano che ha tradotto le avventure di Greg, pardon, Gregorius, ha regalato anche a me una delle dediche che sta vergando sulle copie  del Commentarii de Inepto Puero (a proposito, sapete una cosa? Questo “Inepto Puero” sta cominciando a piacermi più dell’originale Schiappa, signori Castori…parliamone!). L’occasione odierna era la manifestazione Mare di libri, il festival riminese dedicato ai ragazzi che leggono,  io sono in Versilia ma  i diligenti Castori twittavano cosa stava succedendo lì, ovvero la coda per il firmacopie di Monsignor Gallagher. Mi è sembrato giusto manifestare, via Twitter, si intende, il mio disappunto per non aver avuto  dedicata e autografata la mia copia del libro, quella che ora è sullo scaffale alle mie spalle, insieme a tutta la saga di Greg.

Scherzavo,ovviamente. Ma no, i Castori mi hanno preso sul serio et,  voilà, dopo pochi minuti sul mio account Twitter si accende l’icona delle notifiche. Vado a gudare un’occhiata e che ci trovo? La dedica, anzi la dedicatione di Msgr. Gallagher alla sottoscritta, vergata su un foglio di un bloc notes.

Che avreste fatto voi? Io ho Twittato subito un Wooow! (Stupor!). Spero di averci preso, Mons.Gallagher, il mio latino è molto, ma molto arrugginito.

 

Rispondi

Pin It on Pinterest

Share This